()

Chiunque abbia mai avuto a che fare con i casinò online prima o poi si imbatterà in un cosiddetto geoblock. Ai clienti di determinati paesi, in particolare della Germania, viene negato l’accesso a determinati siti Web o offerte, in particolare ai casinò online, a causa dell’indirizzo IP. Molti clienti si chiedono perché esiste questo blocco geografico, come funziona e, naturalmente, come può essere aggirato. Di seguito spiegheremo come funziona il blocco geografico, perché esiste, le basi legali per esso e anche come aggirare tale blocco.

Puoi bypassare il blocco geografico in questi casinò online

Vincitore assoluto del test 12/2022:
SilverPlay
Bonus del 125% fino a € 1000
Senza 5 sec., senza limiti e senza Video-Ident

5.0

Nessuna restrizione con licenza UE

Vincitore del test Casinò dell'UE 04/2022:
Cazimbo
Bonus 1000 € + 150 FS
Giri veloci, nessun limite e verifica
5.0
Licenza UE - senza restrizioni
Vincitore del test dei giochi da casinò 04/2022:
RollingSlot
200% fino a € 500 + 200FS
Nessun limite, senza 5 sec. Regola e senza verifica
5.0
Licenza UE senza limitazioni
Il tuo regalo di benvenuto
Casinò MegaSlot 100% fino a € 200
+ 200 giri gratuiti su Viking Voyage
4.5
Nessun limite, nessuna restrizione
Venditore nuovo di zecca:
5Gringos fino a 1000€ e tanti giri gratis
Meno di 5 secondi Pausa e verifica, nessun limite di 1€
5.0
Vasta selezione di giochi senza limiti
Casinò più recente:
Oh miei giri 100% fino a € 500 di bonus + 200 FS
Premi in palio, cashback e bonus di ricarica
4.8
Nessun limite e regolamento
Miglior fornitore di slot:
SlotHunter Casino 200 giri gratuiti + fino a € 300
Codice bonus: OPEN50
4.8
Senza limiti e regolamenti
Vincitore del test Germania:
National Casino € 550 Bonus + 250 giri gratuiti
Senza limitazioni e identificazione video
Nessuna pausa di 5 secondi
4.8
Senza regole e limiti con licenza UE
Slot e molto altro:
Casinò Magico Spin Bonus di 3000€ + fino a 100FS
2 milioni di euro scende e vince
4.3
Senza restrizioni
Nuovi arrivati per il 2022:
Wazamba Casino Bonus del 100% fino a € 500 + 200FS
Bonus ricarica ogni fine settimana € 700 + 50 FS
4.8
Nessun limite, meno di 5 secondi Pausa e nessuna verifica
Portale dei migliori giochi da casinò:
Casinò GSlot
€ 200 + 200 giri gratis
Nessun limite di deposito e scommessa + 300+ giochi dal vivo
4.8
Licenza MGA senza limiti
Raccomandazione del team di prova:
Casinò
Fino a 500€ di bonus + 200 giri gratis
Giri veloci, puntate alte
5.0
Gioca senza limiti di scommessa
Pacchetto Super Casinò 4 in 1:
DACHbet Casino
Bonus 350% fino a € 1000
Codice bonus: DBETWEL125
4.8
Licenza UE e giri veloci
Nessun limite per i giocatori dalla Germania:
Casinò Winny Credito bonus del 100% fino a € 250
Gioca gratis senza registrazione
4.8
Più di 3000 video slot
Offerta bonus vincitore del test:
Casinorex
€ 1000 gratis + 100 giri gratis
Bonus VIP: 30% fino a € 2000
4.8
Registrati ora e gioca senza limiti!

Che cos’è un blocco geografico?

Prima di tutto, va chiarito cosa sia esattamente un geoblock. Per dirla semplicemente, è un blocco di accesso per gli utenti di paesi precedentemente specificati. Questi utenti non possono quindi visitare il sito web vero e proprio, ma vengono accolti da un messaggio che spiega che non sono autorizzati a visitare la pagina. Il più noto di questi messaggi è stato l’annuncio di YouTube che “Questo contenuto […] non è disponibile nel tuo paese!”, Almeno fino al 2016.

Ciò era dovuto a una controversia tra YouTube e la “Società per le prestazioni musicali e i diritti di riproduzione meccanica” (in breve GEMA) sui diritti dei video musicali sulla piattaforma. Le due parti hanno ora raggiunto un accordo, ma i contenuti su YouTube sono ancora bloccati a livello nazionale. Un primo motivo per questo geoblocking può essere visto in questo esempio: serve a proteggere alcuni diritti di licenza. Ma ne parleremo più avanti.

Come funziona il blocco geografico?

In linea di principio, al server viene segnalato che un cliente di un paese non approvato ha ragione e quindi rifiuta l’accesso. Quindi sorge la domanda su come il rispettivo server sappia che provieni da uno dei paesi bloccati. Ci sono diverse possibilità per questo, quindi questo può essere determinato all’indirizzo specificato o determinato dal metodo di pagamento e quindi la transazione può essere annullata. Il numero di telefono può anche fornire informazioni su dove si trova una persona, grazie al prefisso internazionale, ad esempio +49 per la Germania o +31 per i Paesi Bassi.

E, ultimo ma non meno importante, l’indirizzo IP fornisce anche informazioni sulla posizione dell’utente. L’indirizzo IP è la fonte di informazioni più utilizzata per il geoblocking, in quanto il server può determinare la posizione in pochi secondi e bloccare il contenuto se necessario.

Che cos’è esattamente l’indirizzo IP e quali informazioni rivela?

Come in una rete telefonica, anche su Internet deve essere possibile identificare in modo univoco ogni dispositivo, sia per la rete domestica che per Internet globale. Ciò garantisce che i dati desiderati arrivino al dispositivo corretto. L’indirizzo IP viene sempre trasmesso quando viene richiamato un sito Web, poiché questo è l’unico modo per il rispettivo server di sapere dove inviare i dati desiderati. IP sta per Internet Protocol, lo standard di rete più diffuso che specifica come devono essere scambiate le informazioni nella rispettiva rete, paragonabile alla grammatica di una lingua. Una di queste regole impone che ogni dispositivo che si muove su Internet abbia bisogno di un indirizzo IP.

Questi indirizzi sono strutturati secondo due standard differenti; in questo articolo ci concentreremo sullo standard IPv4, in quanto questo è il più noto. Un indirizzo IPv4 è composto da quattro numeri nell’intervallo da 0 a 255 e separati l’uno dall’altro da un punto. Un esempio per un indirizzo IP sarebbe simile a questo: 192.168.1.144. Alcuni avranno ovviamente notato che il numero di combinazioni con questo sistema è limitato, motivo per cui è stato introdotto lo standard IPv6, che consente un numero infinito di combinazioni.

Questo indirizzo IP cambia sempre quando si riconnette il router o il proprio dispositivo a Internet, ad eccezione degli indirizzi IP statici, che vengono assegnati, ad esempio, ai siti Web. Lo stesso vale per i server oi networker poiché questi servizi dovrebbero essere sempre disponibili e, soprattutto, rapidamente accessibili.

Utilizzando questo indirizzo, il server può leggere da quale Paese e tramite quale provider si sta accedendo al sito web. Il modo esatto in cui questa localizzazione dipende dalla distanza dal successivo cosiddetto nodo di accesso Internet. Nelle aree urbane, questi nodi possono trovarsi solo a poche centinaia di metri dal proprio luogo di residenza, mentre nelle aree rurali il nodo dial-in è di solito a chilometri di distanza dalla propria posizione, poiché il nodo si trova nella città successiva. Il provider può anche utilizzare questo indirizzo per tracciare il flusso di dati dei propri clienti e teoricamente tracciare i siti web visitati.

Questi dati devono essere attualmente cancellati al termine della sessione Internet, ma ciò potrebbe cambiare con l’introduzione della conservazione dei dati. Si è ancora in attesa della sentenza definitiva della Corte di giustizia.

Su quali basi viene applicato il blocco geografico?

È qui che diventa un po’ complicato perché da un lato il geoblocking è proibito nell’UE se un’azienda opera all’interno dell’UE, ma alcune leggi nazionali limitano questo regolamento e ci sono anche un gran numero di eccezioni. Ma prima di entrare più in dettaglio nei regolamenti UE, possiamo dire che ci sono tre ragioni fondamentali per un blocco geografico. Da un lato, per i motivi di licenza già menzionati, Netflix potrebbe avere i diritti per uno spettacolo in Germania, ma non ha questi diritti nei Paesi Bassi, motivo per cui l’offerta per i clienti tedeschi nei Paesi Bassi viene adattata di conseguenza.

La seconda ragione è che la fornitura del servizio o dei beni offerti non è logisticamente possibile nel paese bloccato e quindi i clienti non sono ammessi sul sito web. L’ultimo motivo è un po’ cupo, ma va detto che un blocco geografico può essere utilizzato anche per limitare il libero accesso alle informazioni o per limitare la libertà di espressione, ad esempio in Cina o in Corea del Nord.

Ma torniamo all’UE e alle regole che vi si applicano. Il regolamento sui blocchi geografici ha lo scopo di proteggere sia i clienti, ovvero i consumatori con nazionalità dell’UE o un luogo di residenza all’interno dell’UE, sia le cosiddette società utilizzatrici finali. Una “società utente finale” è un fornitore che offre servizi o beni esclusivamente per l’uso finale, come Netflix o casinò online. Sono escluse dal presente regolamento le società che rivendono, convertono, elaborano o subappaltano servizi o beni.

Cosa è consentito da questo regolamento?

In linea di principio, i fornitori sono liberi di offrire i propri beni e servizi in paesi diversi a prezzi diversi. Questi diversi gruppi di clienti possono essere indirizzati in diverse lingue e su diversi siti Web, ma il cliente deve essere libero di accedere all’offerta tramite un sito Web in un altro paese e di utilizzare le condizioni del rispettivo paese. Inoltre, è il fornitore addebitare costi di spedizione più elevati per i beni utilizzati se la spedizione avviene oltre i confini nazionali.

Cosa non è consentito da questo regolamento?

In base al regolamento sui blocchi geografici, in genere non è consentito vietare ai clienti di accedere a un sito Web in base al luogo di residenza, al luogo di attività o alla nazionalità. Ciò significa che si applica la direttiva “acquista come un locale”, che afferma che i clienti di altri paesi dell’UE possono acquistare oltre confine come i locali. Per comprendere meglio questo regolamento, diamo tre esempi dalla Federal Network Agency.

Il blocco o la restrizione dell’accesso del cliente a un’interfaccia utente. Ciò include, ad esempio, se desideri accedere a un negozio online in Francia, ma questo ti reindirizza automaticamente alla versione tedesca. Prima di tale deviazione, al cliente deve essere chiesto se preferisce visitare la versione tedesca. Anche l’accesso diverso a beni o servizi sarebbe considerato inammissibile, salvo eccezioni. Se, ad esempio, una società di autonoleggio svolge operazioni diverse a seconda del paese di origine del partner contrattuale, si tratta di operazioni commerciali discriminatorie.

Anche la discriminazione in relazione al pagamento è considerata inammissibile. Un rivenditore online, ad esempio, offre solo ai clienti domestici la possibilità di pagare con carta di credito, cosa non consentita dalla normativa sui blocchi geografici.

Quali sono le eccezioni?

Come per qualsiasi legge o regolamento, ci sono anche alcune eccezioni al geoblocking, che includono alcuni tipi di servizi e giustificate disparità di trattamento. Presenteremo qui brevemente le eccezioni più importanti. Come già accennato in apertura, i cosiddetti servizi audiovisivi (es. servizi di streaming) sono una di queste eccezioni, ma sono esclusi da questa normativa anche altri servizi, tra cui:

Servizi finanziari (es. operazioni bancarie o creditizie), servizi e reti di comunicazione elettronica, servizi di trasporto (compresi i trasporti ferroviari e aerei, ad eccezione dei pacchetti turistici), agenzie di lavoro interinale, servizi sanitari, giochi d’azzardo che richiedono un valore monetario ( ad esempio casinò online, scommesse sportive e lotterie) e anche servizi sociali tra pochi altri. L’eccezione più importante per noi sono i casinò online.

Come si può bypassare un blocco geografico per i casinò online?

Ora che abbiamo chiarito la domanda su cosa sia un blocco e come funziona, sorge la domanda su come aggirarne uno. In generale, sono disponibili tre opzioni comuni. Naturalmente, questi hanno i loro vantaggi e svantaggi. Di seguito descriveremo più in dettaglio i tre tipi di bypass.

Bypassare il blocco geografico dei casinò online con un server proxy

proxy edited

Qui ti connetti a un server speciale che è ospitato in un paese diverso e ti assegna così un nuovo indirizzo IP con il quale puoi, ad esempio, aggirare il blocco geografico del casinò online. Per questa opzione, dopo una ricerca su Google o altri motori di ricerca, puoi trovare rapidamente un gran numero di server gratuiti in diversi paesi con cui puoi poi connetterti. Nel browser Firefox, ad esempio, puoi configurare un server proxy recandoti nel menu Impostazioni e selezionando nella finestra che si apre la voce “Configurazione manuale del proxy”.

L’indirizzo IP del server desiderato va poi inserito qui e si può navigare con un nuovo indirizzo con il quale si può evitare il blocco dei casinò online. Questa variante gratuita sembra molto allettante a prima vista, ma sfortunatamente presenta alcuni svantaggi che possono essere un problema, specialmente nei casinò online.

Questi server gratuiti sono spesso sovraccarichi, il che porta a una connessione lenta e ostacola o rende impossibile la trasmissione di video, come in un casinò dal vivo, o per giocare e visualizzare le slot machine. Un altro svantaggio è che molti server proxy scompaiono con la stessa rapidità con cui sono apparsi, il che significa che spesso devi cercare un nuovo server e poi sperare che soddisfi i tuoi requisiti. Sfortunatamente, non puoi fare di più qui che provare e sperare. Inoltre, è importante assicurarsi che il server stabilisca una connessione HTTPS crittografata, soprattutto se si vogliono effettuare trasferimenti, altrimenti ci si rende vulnerabili. Questa variante funziona, ma dovrebbe essere utilizzata dai clienti esperti di tecnologia.

Bypassa il blocco geografico dei casinò online con SmartDNS

SmartDNS è un servizio online che funziona in modo simile a un proxy, qui è possibile utilizzare l’utente e l’indirizzo IP di un server esterno. La differenza rispetto a un server proxy è che non tutto il traffico dati passa attraverso il rispettivo server, il che spesso porta a problemi di velocità, ma che viene utilizzato solo l’indirizzo IP e viene combinato con la connessione Internet locale, si spera veloce. Ma ovviamente ci sono anche uno o due svantaggi con questa variante. Con uno SmartDNS, i dati spesso non sono crittografati e quindi vulnerabili, il che a sua volta rappresenta un rischio con i trasferimenti online. Inoltre, questa variante è spesso a pagamento, quindi tutti dovrebbero decidere da soli se il rapporto qualità-prezzo è adatto a loro.

Bypassa il blocco geografico dei casinò online con una VPN

vpn edited

L’ultima opzione che presentiamo è probabilmente la più consigliata per la maggior parte dei clienti, poiché una cosiddetta “rete privata virtuale” (in breve: VPN) è soprattutto facile da usare e brilla di una buona sicurezza. Una VPN offre spesso ai suoi clienti l’accesso a diverse migliaia di server in molti paesi diversi, il cliente deve solo scegliere il server giusto e può utilizzarlo per accedere ai contenuti nel paese desiderato, come un casinò online. Il funzionamento è simile a quello di un proxy, ovvero i dati vengono instradati tramite un server esterno che ti assegna un indirizzo IP corrispondente.

La differenza principale tra i due è che con una VPN, i dati vengono trasmessi in un tunnel, che da un lato nasconde l’indirizzo IP e protegge i dati sensibili, come il proprio indirizzo e-mail o le password, da occhi indiscreti. Lo svantaggio qui è che un tale servizio costa naturalmente qualcosa. Tuttavia, consigliamo una VPN alla maggior parte dei clienti che desiderano aggirare il blocco geografico dei casinò online, poiché sono facili da usare e offrono un alto livello di sicurezza.

È legale aggirare un blocco geografico?

legal

Infine, vogliamo chiarire la questione se sia legale aggirare un tale blocco geografico. In linea di principio, a ogni cittadino dell’UE è consentito anonimizzare il proprio indirizzo IP con un proxy o una VPN, ma non si può dire al 100% se sia legale rimuovere i blocchi geografici (a partire da settembre 2021). Va ricordato che ai sensi del § 108b e § 111a UrhG è esclusa in ogni caso una responsabilità penale o un illecito amministrativo nel caso di azioni esclusivamente private.

Vorremmo anche sottolineare che molti servizi, inclusi alcuni casinò online, vietano di aggirare un geoblock in termini e condizioni. Nel peggiore dei casi, una violazione, se rilevata, può ovviamente portare al blocco dell’account. Inoltre, queste regole si applicano solo all’UE, altri paesi vietano l’uso di VPN o simili, inclusa la Cina, ad esempio.

Altrimenti, si applica anche la saggezza comprensibile che dovresti commettere un crimine sotto le spoglie di un proxy o di una VPN che questo è ovviamente illegale, incluso, ad esempio, l’uso di siti di condivisione di file per copie piratate. Quindi, prima di aggirare il blocco geografico di un casinò online, dovresti prima leggere i termini e le condizioni per evitare spiacevoli sorprese.

Blocco geografico

Blocco geografico

L’Agenzia Federale di Rete ha messo a disposizione una pagina dedicata con informazioni su questo argomento.

Istruzioni passo passo per VPN

vpn proxy

Qui ti mostriamo come configurare una connessione VPN tramite un programma esterno o Windows. Basta seguire queste istruzioni passo passo.

Zeit: 5 minuti

VPN tramite programma esterno

vpn

Probabilmente il metodo più semplice per utilizzare una VPN è con uno dei diversi provider come: NordVPN , CyberGhost , ProtonVPN e altro ancora. Questi provider di solito offrono il proprio programma con cui è possibile utilizzare la VPN. Con questo programma puoi semplicemente accedere con i tuoi dati di accesso. Quindi ti viene offerta una selezione di diversi paesi e connessioni. Nel nostro esempio (vedi foto) puoi cercare un paese sulla sinistra, oppure puoi selezionare un server tramite la mappa e collegarti ad esso cliccando sul punto.

La connessione corrente viene quindi visualizzata sul bordo inferiore; la connessione può anche essere interrotta qui. Raccomandiamo questa opzione alla maggior parte, poiché non è richiesto alcun know-how tecnico.

Imposta VPN tramite Windows

vpn windows

C’è anche la possibilità di configurare una VPN tramite le impostazioni di Windows. Tuttavia, è necessario informarsi in anticipo sull’impostazione della connessione VPN del provider selezionato. Per fare ciò, è sufficiente accedere al menu di avvio (logo di Windows in basso a sinistra) e fare clic sull’ingranaggio per accedere al pannello di controllo. Lì fai semplicemente clic su “Rete e Internet”, quindi cerca “VPN” nell’elenco a sinistra e fai clic anche su di esso. Seleziona “Aggiungi connessione VPN” e seleziona Windows (integrato) come “provider VPN”.

Puoi scegliere tu stesso il nome della connessione. L’indirizzo del server VPN deve essere inserito nel campo Nome server o indirizzo IP. Il tipo di VPN di solito si trova sul sito Web del provider o ti viene inviato con gli altri dati. Quindi inserisci i dati di accesso e fai clic su Salva. Per attivare la VPN bisogna cliccare sul simbolo della rete e selezionare la connessione, confermare con “connect”.

Proxy-Server Schritt für Schritt Anleitung
Hier könnt Ihr nachlesen wie man eine Proxy Verbindung über den Browser oder Windows einrichten kann.
Proxy in Firefox und Chrome
Im Firefox-Browser zum Beispiel kann man einen Proxy-Server einrichten, indem man im Menü auf Einstellung geht und in dem sich dann öffnenden Fenster den Punkt „Manuelle Proxy-Konfiguration“ auswählt. Hier muss dann die IP-Adresse des gewünschten Servers eingetragen werden und schon surft man mit einer neuen Adresse.
Auch im Chrome-Browser geht man zuerst in das Menü und wählt dort „Einstellungen“ aus, in diesem Menü muss man sich dann die „Erweiterte Einstellungen anzeigen“ anzeigen lassen. Dort unter System auf „Proxy-Einstellungen des Computers öffnen“ klicken. Dann öffnet sich das Windows-Dialogfeld.
Proxy in Windows einrichten
Das Proxy Menü kann man aufrufen, in dem man im Suchfeld von Windows „Proxy“ eintippt und dann auf „Proxyeinstellungen ändern“ klickt. Unter manuelle Proxyeinrichtung „Proserver verwenden“ auf „Ein“ stellen. Hier muss man dann unter Adresse die Adresse des Proxyserver Providers eingeben sowie den zugehörigen Port, dieser wird vom Anbieter angegeben. Dann einfach noch den die Einstellungen speichern und den Geoblock umgehen. Den Proxy kann man ganz einfach mit „Proxy-Server deaktivieren“ abschalten.

Proxy in Firefox e Chrome

image 1

Proxy in Windows

image

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *